NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian Dutch English French German Japanese Russian Spanish
Domenica, 23 Novembre 2014 15:39

Artigianato pugliese, una produzione manuale autentica

Written by
Rate this item
(0 votes)

Un'altra delle mille ragioni per cui visitare la Puglia? Il prodotto artigianale proveniente dalla terracotta: è di qui che nascono ceramiche magiche, attrattive, da decorazione o per uso quotidiano. È di qui che nasce la vera ceramica rustica intesa ormai come sigla, biglietto da visita della Puglia artigiana.

Spaziando fra tutte le provincie pugliesi tu, caro visitatore, potrai ben affermare di aver pensato ad una buona scorta di utensili da cucina: fra i più famosi rientrano le "terraglie da fuoco" utilizzate per la cucina a fuoco lento, i "rizzuli" boccali panciuti con manico e becco tribolati per il vino da tavola, piatti dalle forme "reali" o "mezzo reali" (cioè piccoli e grandi), bicchieri, "capasoni" o brocche di varie fogge.

E non è tutto: a variegare l'intensa produzione secolare, anzi plurisecolare, contribuisce la vasta scelta di colori con cui ciascun prodotto artigianale viene perfezionato. Ci si può imbattere in prodotti bianchi lattiginosi sottolineati da rigature blu e gialle con qualche galletto ruspante (memoria del sole a Levante verso cui un tempo molteplici esportazioni dei suddetti prodotti erano inviati) , verdi ramati e sgocciolati, smaglianti vernici o, addirittura, ceramiche vetrate, crettate. Ceramica d'alto livello dunque che ancora oggi viene prodotta da artisti ed artigiani bottegai.

L'artigianato tuttavia non consiste in sola ceramica: si inseriscono nella lista dei materiali anche il ferro (con l'elevata e sorprendente produzione di letti e cancellate), il rame (con i famosi claderai), il legno (per tavolini, sgabelli, sedie o intere camerette), la cartapesta (arte leccese per eccellenza meglio utilizzata per rappresentazioni sacre), i tessuti (per biancheria a telaio, arazzi, coperte, merletti ed anche bambole imbottite).

E infine, nella seconda lista di produzioni artigianali minori rientrano: cestineria, oreficeria, lavoro della pietra, finimenti per cavalli, conceria, pasticceria. Un infinito mondo di produzioni artistiche manuali dunque di cui risulta davvero difficile fare a meno vista la loro autenticità e il loro pregio.

Read 124559 times Last modified on Mercoledì, 12 Febbraio 2014 14:32